Presentazioni

Gertrude De Zampis

Una tipetta tosta

Gertrude De Zampis
Getrude De Zampis

Vi presento Gertrude, protagonista assieme a Jack dei racconti di questo blog.

Gertrude De Zampis vive ad Insettopoli in Via Dei Tigli 23, è una formica Bulldog, conosciuta anche come “formica gigante Australiana“.

Subito dopo il periodo scolastico, stufa di stare nella colonia di formiche e di seguire le regole ferree che caratterizzavano la sua vita, decise di partire per una super avventura e si imbarcò su una delle ultime navi pirata.  Visse a bordo un anno intero da formica pirata, tempo in cui imparò tantissimo sulla vita, sugli insetti e sulle avventure.

Viaggiò in luoghi inesplorati e meravigliosi e in uno di quei viaggi scoprì il posto in cui avrebbe poi messo radici sarebbe: Insettilandia

In questa città ha aperto un’agenzia investigativa assieme al suo amico e socio Jack Ago, nella casa ereditata dalla nonna Adelina, riservando una stanza ad una delle sue passioni: la fotografia.

Gertrude ha, quello che lei in prima persona definisce, un “caratteraccio” ma a me non sembra cosi tanto, è una formica:

  • Decisa:  lo si capisce dalla determinazione con la quale affronta le sfide, come quando si mise in testa di vincere il primo premio nella scalata in montagna;
  • Curiosa: talmente tanto che si infila in guai piccoli e grandi, come quella volta che si è trovata bloccata in fondo ad un burrone, oppure quell’altra, incastrata in un appuntamento al buio non desiderato;
  • Generosa: tutti i suoi amici sanno che sotto quella sfera ruvida batte un cuore gigante sul quale poter contare. Come dice sempre la sua super amica la Zanzara Cloe.
  • Ironica: anche se le sue battute non sono proprio facili a volte da capire, in particolare per alcuni soggetti un po’ ostici come il Vice Questore il Dott. Alteus

Una delle cose più complicate da far fare a Gertrude è trasformarla in una formica in abito o gonna, anche se quando si veste per le occasioni eleganti è uno spettacolo e riesce ad essere sempre la più bella della festa.

Il suo abbigliamento preferito è quello pratico che le permette di svolgere il suo lavoro in modo efficiente, ha una passione per i bandana e gli anfibi. Certo che se consideriamo che è stata educata per diventare regina… bisogna dire che la nostra amica ha classe da vendere anche in tuta mimetica.

Gertrude si è sempre dimostrata una formica particolarmente intelligente e preparata, ha sempre avuto ottimi risultati scolastici su tutte le materie, ma la sua vera passione sono gli studi scientifici, informatici,  la fotografia e, strano a dirlo, anche la psicologia.

Le regole invece le sono sempre andate strette… sin da quando è stata costretta a studiare in un collegio, come volevano le disposizioni della sua colonia per le future regine, e lei si è ribellata con tutte le sue forze a quel destino imposto riuscendo a spuntarla, alla fine della scuola ha scelto una vita fuori dalla colonia da vera avventuriera.

Gertrude avrebbe dovuto diventare Regina della colonia per ereditarietà, ma non era il ruolo che voleva rivestire, la sola idea di dover dedicare l’intera vita alla colonia non era per lei pensabile. Per fortuna i suoi genitori hanno capito l’importanza di questo suo rifiuto.

La sua famiglia è rimasta in Australia a vivere nella colonia, una delle sorelle di Gertrude ha preso il suo posto ed è diventata regina. Una volta ogni due anni si ritrovano per un mega pranzo di famiglia.

La nonna Adelina scelse di viver i suoi ultimi anni ad Insettilandia vicino alla sua nipotina e avrete modo di conoscerla.

Gertrude è anche una apprezzata fotografa, per lei questo  non è solo un hobby ma un lavoro. E’ una freelance per riviste specializzate in viaggi come il National Insect Geografic.

Se vi state domandando se è sentimentalmente impegnata vi posso dire che: sono diversi gli insetti che le ronzano attorno e che vorrebbero convincerla a “mettere la testa a posto” e a far famiglia, senza contare la zia Betty (una delle zie preferite) che ogni singola volta che la sente o la vede le ricorda che “E’ ora che tu scelga un bravo formico e mi faccia dei formichini cara nipotina”, lo stesso fanno i suoi genitori ma sempre meno convinti..

La passione per l’investigazione è maturata un po’ per caso. Da formichina si appassionava facilmente a tutti i piccoli misteri che incontrava, desiderava sempre arrivare in fondo alle cose e capire perché e per come erano successi i fatti, poi l’incontro con Jack fu decisivo. Da un piccolo hobby la trasformazione in un vero e proprio lavoro. Con tanto di agenzia, biglietti da visita e sito: spesso anche la polizia di Insettilandia chiede il loro aiuto.

Avrete modo di conoscerla bene durante le sue avventure e poi potrete farle tutte le domande che vorrete sul blog e per mail vi risponderà volentieri… anche se non posso garantirvi i toni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *