i due cretini
I nuovi vicini di casa

I nuovi vicini di casa 5

Cap.5 – I nuovi vicini di casa: “i due cretini

Visto che la simpatica coppia di vespe di montagna considerano Jack e Gertrude due cretini, i nostri amici decidono di approfittare della cosa e si presentano alla porta di Jonny con una bottiglia di vino come regalo… ma con il trucco: una micro spia con telecamera inserita sul fiocco decorativo…

Pur di liquidarli velocemente Mimì e Luca aprirono la porta sorridendo ai “due cretini” prendendo la bottiglia con una zampa, scusandosi di doverli liquidare causa dottore al telefono e chiudendo la porta con l’altra zampa.

E vai! …la bottiglia era sul tavolo della cucina a casa di Jonny, forse finalmente potevano capire meglio costa stava succedendo.

Il film personalizzato iniziò in quel momento

Mimì: -“Sei stato bravo a liberati dei due cretini, abbiamo un sacco di cose da fare e un soggetto da torturare, se non ci dice dove ha nascosto il tesoro vado fuori di cervello!”

Luca: “Tranquilla vedrai che appena gli stacchiamo una delle zampe quello parla come un uccellino”

Mimì: “Ma sei di fuori ma sai chi era quello li fino a 10 anni fa?? Era il BOSS era lui che gestiva tutto quello che avveniva di losco in Zinghistar! Era il più malefico e crudele BOSS nessuno osava contraddirlo. Mica questo cavolo di vecchietto che ci ritroviamo oggi”

Luca: “E poi cosa è accaduto che lo ha portato a voltare le spalle a tutto quel potere?”

Mimì: “Boh… ha lasciato di punto in bianco tutto e tutti ed è sparito completamente dalla faccia della terra, se pensi che era il figlio prediletto del super Boss, è cresciuto a pane e potere ha conosciuto tutti i migliori trafficanti dell’est e poi.. boh io di certo non me ne sarei mai andata con una posizione come la sua!”

Intanto Jack e Gertrude si guardavano un po’ stupiti nell’apprendere tutte queste notizie. Jonny un BOSS di qualche organizzazione criminale… certo il caratteraccio non gli mancava, ma sembrava comunque una cosa un po’ bizzarra!

Gertrude intanto usando la foto scattata di Mimi e Luca e un sofisticato programma di riconoscimento facciale riuscì ad associare al volto di Mimi la scheda di una pericolosa criminale specializzata in rapimenti ed estorsioni ricercata in almeno 10 paesi diversi tutt’ora in fuga dalla legge..

Nel frattempo arrivò un’auto scura e a fari spenti parcheggiò dietro la casa in modo da non farsi vedere.

Jack, indossando gli occhiali a raggi infrarossi, cercò di capire chi stesse scendendo dall’auto.

Jack “Che cosa strana… mi sembra di vedere uno della stessa stazza di Jonny che cammina solo in modo diverso”

Intanto la coppia di rapitori (oramai possiamo anche chiamarli cosi) fece entrare il misterioso insetto dalla porta posteriore,  proprio in cucina dove si trovava la nostra bottiglia spia.

Le prime immagini che si riuscirono a vedere mostravano un “Jonny” in un elegante abito scuro, invece che i pantalonacci informali con i quali l’avevano sempre visto e aveva anche un sigaro acceso in bocca.

Questa specie di Jonny disse “Allora dov’è il verme, voglio proprio vederlo in faccia, sono anni che aspetto questo momento, portatemelo qui!”

A quest’ordine Luca andò ad aprire una porta e trascinare il vero Jonny legato ed imbavagliato come un salame, dalle immagini sembrava avesse la faccia gonfia e zoppicare vistosamente.

Finto Jonny  “Eccoti verme malefico, sono anni che ti cerco ed è una vita che ti odio! Mi hai rubato affetto, potere e soldi e ora sono qui a rivendicare quello che mi interessa di più: I SOLDI”

Poi si vede che prende il sigaro accesso per spegnerlo sulla fronte di Jonny che non fece una piega.

Sempre più arrabbiato il finto Jonny aggiunse “Io non so che cosa possano aver visto in te, sei solo un insettuccolo da strapazzo, ero io solo io quello davvero in gamba e tu non hai fatto altro che oscurare i miei talenti con quel tuo modo di fare”

Prense un coltello dalla tasca e lo appoggio alla gola di Jonny che continuava ad essere imperturbabile..

Jonny lo guardò dritto negli occhi e gli disse: “Buongiorno fratello, vedo che hai proprio faticato a creare questa riunione di famiglia. Vedo anche che con il tempo il tuo delirio di potere è solo aumentato, non hai ancora capito che la vita non è questa, non è così che ti sentirai felice caro Donny”

In quel momento Jack e Getrude riuscirono a vedere nell’inquadratura Donny: era il gemello identico di Jonny …solo con in più una vena di pazzia negli occhi.

Il gemello identico con la vena di pazzia negli occhi disse:

“Non osare neanche a farmi la predica! sono stufo di te ti odio ti odio ti odio! Mi hai sempre rubato la scena, con la mamma e con il papà, eri sempre il perfettino, sapevi sempre cosa dire e cosa fare, le idee migliori per i piani dei furti erano tuoi, tutti ti rispettavano e pendevano dalle tue labbra, ero stufo! Poi quando hanno deciso di mettere te a capo di tutto grrrrrrrrrrr quello mi ha mandato fuori di testa! “

Jonny: “Quello che non hai mai capito è che non mi interessava quel posto, non volevo continuare a fare soldi di famiglia in quel modo… il crimine non era il mio mondoero riuscito a convertire gli affari di famiglia in affari puliti, avevo iniziato a far cambiare il modo di pensare, a creare una organizzazione che producesse e non che distruggesse… ma tutto questo su di te aveva un effetto devastante: tu eri impazzito. Avevo trovato i tuoi piani di distruzione di tutto e di tutti, i piani per far fuori me e tutti coloro che mi avevano dato fiducia… è li che ho deciso di smantellare l’organizzazione e sparire nel nulla! Ho fatto questo anche per non farti superare una linea di confine che poi ti avrebbe distrutto!”

Donny: “Non cercare di farmi credere che mi volevi bene, tu volevi bene solo alle tue rose e non a me,  tu avevi sempre i giocattoli che volevo io, i vestiti che volevo ioooooo!!!”

Jonny: “ Vorrei ricordarti che ci vestivano uguali e i giocattoli erano uguali…”

Donny “Ora basta preparate tutto che questo qui lo faccio a pezzi, voglio solo capire dove ha fatto sparire i soldi! Non mi interessa tanto l’organizzazione che oramai è smantellata voglio solo cancellarlo dalla faccia della terra, voi siete stati pagati per trovarlo eliminarlo e pulire ALLORA FATELO ORAAAAAAAAAAAAAAAAA

sesto e ultimo capitolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *